Ray Davies conferma Il tiro reunion: “penso che è una specie di un tempo opportuno per farlo”

Se non ci fosse una prova sufficiente che il 2010 sono diventati era per il mondo, ecco la linea di fondo: Mettere fine a uno dei più longevi dei feudi nel mondo della musica pop, The Kinks, membro fondatore e frontman Ray Davies ha confermato lunedì (25 giugno) che una vera e propria reunion è all’orizzonte.

Formati nel 1964 dai fratelli Ray e Dave Davies, dal batterista Mick Avory e dal bassista Pete Quaife, (morto nel 2010) i Kinks hanno raggiunto la vetta delle classifiche con il loro terzo singolo ‘You Really Got Me.”Una serie di singoli classici-tra cui “All Day and All of the Night”, “A Well-Respected Man”, “Waterloo Sunset”, “Lola” e altri — seguirono per tutto il decennio e videro la band affermarsi come una delle band più influenti degli anni’ 60.

Tuttavia, il gruppo e in particolare i fratelli Davies erano rinomati per i loro argomenti sia dentro che fuori dal palco. Decenni prima che i fratelli Gallagher impostare la barra per il manzo fratello nel Regno Unito, i fratelli Davies sono stati quelli che ha iniziato tutto. Ray e Dave hanno passato gli ultimi due decenni a scambiare barbe attraverso la stampa. Dave chiamato Ray un vampiro narcisista che ” mi succhia a secco di idee, emozioni e creatività. E ‘ tossico per me stare con lui.”Poi Ray ha calpestato la torta di compleanno 50th di Dave. L’ultima volta che si sono esibiti insieme è stato nel 1996, dopo di che hanno diviso i modi per concentrarsi sulle proprie carriere soliste.

Tuttavia, i fratelli si sono apparentemente riconciliati al punto in cui hanno effettivamente considerato una riunione. Nel 2015 hanno condiviso il palco insieme per la prima volta in 20 anni, portando Ray a prevedere che una riunione “definitivamente” accada. Beh, sembra che il tempo sia arrivato!

In un’intervista con Channel 4 News della BBC, Ray ha detto che lui, Dave e il batterista Mick Avory stanno “facendo un nuovo album, ispirato ai Rolling Stones.”Penso che sia una specie di momento opportuno per farlo,” ha aggiunto. Ma naturalmente, Davies ha portato la conferma nel suo stile stravagante. A metà dell’intervista ha ricevuto una chiamata dal batterista Mick Avery e gli ha detto che lo avrebbe incontrato più tardi al pub. Poi, alla domanda su una conferma ufficiale di una riunione dei Kinks, Ray ha detto: “I Kinks stanno tornando together…in almeno al pub.”

Considerati una delle band più influenti degli anni ‘ 60, i Kinks non hanno registrato nuovo materiale insieme dal loro scioglimento nel 1993. (Credito fotografico: Sito ufficiale)

Prima della reunion, però, il cantante pubblicherà “Our Country: Americana II”, il suo secondo album solista in collaborazione con i Jayhawks, venerdì (giugno 29). Ray ha anche suggerito durante l’intervista che i Kinks suoneranno insieme a sostegno dell’album, una prima volta dal 1996.

L’ultimo album dei Kinks fu “Phobia” del 1993, che vide una scarsa ricezione commerciale. Ma l’era del Brit-pop che esplose nel decennio citò spesso i Kinks come una delle loro più grandi influenze, mantenendo la band viva e viva nei ricordi dei fan del rock e del pop di tutto il mondo. Quattro dei loro album sono stati certificati oro dalla RIAA e hanno venduto oltre 50 milioni di dischi in tutto il mondo. Nel 1990, i quattro membri originali dei Kinks furono inseriti nella Rock and Roll Hall of Fame. Quindi sarà interessante vedere come una band così iconica di un’epoca passata si adatti alla scena musicale contemporanea, soprattutto considerando che i tre quarti sopravvissuti della band sono ben oltre i loro anni settanta.

Ray ha anche preso un momento per riflettere sulla carriera dei Rolling Stones, citandoli come ispirazione per la loro riunione.

“Non sarà ben organizzato come i Rolling Stones”, ha aggiunto Ray. “Devi lodare i Rolling Stones per essere grandi nella pubblicità e una grande band grande nell’organizzare le loro carriere e Mick ha fatto un incredibile lavoro di pubbliche relazioni ed è un po’ stimolante vederli farlo.”

“Ma I Kinks probabilmente suoneranno al bar locale”, ha aggiunto con un pizzico di modestia tongue-in-cheek.