Opinione: John Tyndall – dimenticati co-scopritore della scienza del clima

Onorario ricercatore Associato Sir Roland Jackson (UCL Scienza & Tecnologia di Studi) chiede il riconoscimento pubblico di scienziato Irlandese John Tyndall, che ha lavorato al fianco di Louis Pasteur, fatto delle scoperte in fisica ed è stato un pioniere nel campo della scienza del clima.

John Tyndall

È sorprendente che lo scienziato irlandese John Tyndall, nato 200 anni fa il 2 agosto 1820, non sia meglio conosciuto. Questo nonostante l’esistenza del Tyndall Centre for Climate Change Research, del Tyndall National Institute e del Pic Tyndall summit sul Cervino nelle Alpi. Ci sono anche diversi Mount Tyndalls, ghiacciai Tyndall e crateri Tyndall sulla Luna e Marte.

Da ciò, si potrebbe supporre che fosse sia uno scienziato significativo che un notevole alpinista. Tuttavia, a causa di circostanze sfortunate, non è un nome familiare.

Nel 1859, Tyndall dimostrò che i gas, tra cui l’anidride carbonica e il vapore acqueo, possono assorbire il calore. La sua fonte di calore non era il Sole, ma la radiazione da un cubo di rame contenente acqua bollente. In termini moderni, questa era la radiazione infrarossa-proprio come quella che emanava dalla superficie terrestre.

Il lavoro precedente aveva dimostrato che la temperatura della Terra era più alta del previsto, che era stata ridotta all’atmosfera che fungeva da isolante. Ma nessuno conosceva la spiegazione di quello che ora chiamiamo l’effetto serra: i gas nell’atmosfera intrappolano il calore.

Quello che Tyndall ha fatto è stato scoprire e spiegare questo meccanismo. Scrisse: “Così l’atmosfera ammette l’ingresso del calore solare; ma ne controlla l’uscita, e il risultato è una tendenza ad accumulare calore sulla superficie del pianeta.”

Si rese conto che qualsiasi cambiamento nella quantità di vapore acqueo o anidride carbonica nell’atmosfera potrebbe cambiare il clima. Il suo lavoro ha quindi posto le basi per la nostra comprensione del cambiamento climatico e della meteorologia.

Tyndall non è stato, tuttavia, il primo a fare il collegamento climatico. Questo premio va all’americana Eunice Foote, che nel 1856 mostrò usando la luce solare che l’anidride carbonica poteva assorbire il calore. Ha suggerito che un aumento di anidride carbonica si tradurrebbe in un pianeta più caldo.

La ricerca suggerisce che Tyndall non fosse a conoscenza del suo lavoro. Senza dubbio sarebbe stato sorpreso di scoprire che una donna amatoriale lo aveva picchiato per una dimostrazione generale dell’assorbimento del calore da parte dell’anidride carbonica. Per suo discredito, non credeva che le donne possedessero le stesse capacità creative nella scienza degli uomini.

Tyndall fece molte altre scoperte in diversi campi della fisica e della biologia. Ha fatto la sua reputazione iniziale nell’oscuro argomento del diamagnetismo, la debole repulsione delle sostanze da parte di un magnete. Questo lo ha portato all’attenzione di persone influenti come il fisico Michael Faraday.

Nel giro di pochi anni fu membro della Royal Society, il più prestigioso organismo scientifico della Gran Bretagna, e professore di filosofia naturale presso la Royal Institution, dove rimase per il resto della sua carriera scientifica.

Presto fu al lavoro sulla comprensione della struttura e del movimento dei ghiacciai. Successivamente è arrivato il lavoro sull’assorbimento del calore da parte dei gas, e quindi l’azione della luce nel causare cambiamenti chimici. Nel processo Tyndall ha spiegato perché il cielo è blu-la luce blu è dispersa più dai gas nel cielo rispetto ad altri colori a causa della sua breve lunghezza d’onda.

Scoprì anche la” Tyndallisation ” – una tecnica batteriologica di sterilizzazione – quando intraprese esperimenti insieme al biologo francese Louis Pasteur per sostenere la teoria che i germi possono causare malattie. Quella linea di ricerca ha portato all’invenzione di un respiratore per i vigili del fuoco, anche se Tyndall non ha mai preso un brevetto. Si è impegnato nella ricerca fondamentale, fiducioso che altri avrebbero generato applicazioni utili.

Scienza contro religione

Come intellettuale pubblico, Tyndall’s era una delle voci più forti che sostenevano una spiegazione scientifica per il mondo naturale e per la vita stessa, un naturalismo scientifico. In questo, la religione e la teologia non avevano posto. Egli ha dato la dichiarazione più starkest di questa posizione nel suo famoso, anzi famigerato, Belfast Indirizzo, nel 1874.

Nell’Ulster Hall, tuonò: “Noi rivendichiamo, e strapperemo alla teologia, l’intero dominio della teoria cosmologica. Tutti gli schemi e i sistemi che violano così il dominio della scienza devono, nella misura in cui lo fanno, sottomettersi al suo controllo e rinunciare a ogni pensiero di controllarlo.”

Ma non fu mai uno a sminuire il ruolo della religione. La scienza, per lui, forniva una conoscenza affidabile del mondo. La religione soddisfaceva i bisogni emotivi delle persone, un ruolo che pensava potesse alla fine essere sostituito dalla poesia.

Rappresentare il passato

Tyndall non si sposò fino a quando aveva 50 anni, ma la sua amata Louisa lo uccise accidentalmente nel 1893 – dandogli un’overdose della medicina sbagliata nel buio. Ha poi raccolto enormi quantità di materiale per scrivere la sua biografia, ma è morto 47 anni dopo con esso incompiuto.

Le sue bozze, così come i diari di Tydnall, i quaderni di laboratorio e migliaia di lettere, sono conservati presso la Royal Institution di Londra. Tutta la sua corrispondenza è attualmente pubblicata dal Tyndall Correspondence Project. Sono stato in grado di utilizzare il materiale durante la scrittura della mia biografia The Ascent of John Tyndall, appena uscito in brossura per il suo compleanno.

L’incapacità di Louisa di scrivere una biografia è parte della ragione per cui non è meglio conosciuto, ma ha anche avuto la sfortuna di morire sulla cuspide di scoperte rivoluzionarie in fisica come la teoria quantistica e la relatività. In un certo senso, ha rappresentato il passato.

Ma oggi, la ricerca sul clima è più importante e pressante che mai – e gli scienziati stanno facendo passi da gigante. Sono sicuro che Tyndall sarebbe soddisfatto di scoprire che il suo lavoro fondamentale si era rivelato così importante.

Ai suoi tempi, tuttavia, poche persone hanno fatto la connessione tra la combustione di combustibili fossili e il possibile riscaldamento globale. Tyndall era più preoccupato che la Gran Bretagna sarebbe a corto di carbone e di essere in grado di competere economicamente con l’America, date le sue forniture più vasti. Si immagina però che, come scienziato, sarebbe stato convinto dalle prove attuali.

La scienza del clima è ora il futuro piuttosto che il passato, ed è quindi tempo di riconoscere e reintegrare Tyndall come un importante scienziato irlandese, alpinista e intellettuale pubblico.

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta nella Conversazione il 31 luglio.

Link

  • UCL Department of Science and Technology Studies

Image

‘John Tyndall’ Credit: Barraud, Wellcome Images. CC da 4.0.