Lettere ai propri cari

Nel dicembre 2012, John O’Connell ha scoperto una scorta di lettere nell’appartamento della madre recentemente scomparsa.

Le lettere contenevano condoglianze e conforto, un ricordo tangibile che il fratello gemello identico di Giovanni era morto solo tre giorni nella vita.

“Ho pensato molto a lui quando sono entrato nella mezza età”, ha confessato John. “Ma fino a poco tempo fa, questi pensieri erano astratti. Si riferivano a qualcuno che non è mai stato, piuttosto che a qualcuno che esisteva-anche se solo per un momento.”

Le lettere inviate da amici e parenti non erano tutte di ispirazione. Chissà cosa dire a una donna che ha perso un figlio di tre giorni?

Ma per Giovanni, hanno dato al fratello perduto tre dimensioni. “Le lettere hanno materialità”, ha detto. “Anche quando scrappy e tratteggiata, sono solidi e tangibili. Essi unjumble pensieri e sentimenti, e ci danno il tempo di riflettere.”

A volte, una lettera può avere potere anche quando non viene inviata. E in questo periodo dell’anno—con la famiglia tutto intorno—è importante essere onesti con te stesso sui tuoi sentimenti ed emozioni. Una lettera scritta a mano può fare proprio questo, aiutandoti ad articolare una conversazione che un giorno potrebbe passare tra te e una persona cara.

Lo faccio da anni e ho creato un sistema unico per prendere i pensieri dalla tua testa e trasformarli in un piano per avere conversazioni difficili durante le vacanze.

Chiamo questo sistema “Lettere ai propri cari.”

Quando usi questo piccolo strumento veloce prima di una discussione scomoda che devi avere con un amico o un familiare, sarai in grado di organizzare i tuoi pensieri in una conversazione fresca, calma e raccolta che porta al risultato desiderato.

Ad esempio, diciamo che devi chiedere a tuo cognato di smettere di bere così tanto intorno ai tuoi figli. Se non avete pianificato questa conversazione, si potrebbe venire attraverso come essere troppo schietto, arrabbiato, o condiscendente.

Ma se pratichi la discussione con questo metodo “Lettere ai tuoi cari”, sarai in grado di controllare la conversazione, mantenerla positiva e avere maggiori possibilità di raggiungere il risultato desiderato.

Questo metodo “Lettere ai propri cari” utilizza il classico approccio “positivo-difficile-positivo” alle relazioni che si occupa di argomenti difficili con lode e rispetto.

“Le lettere hanno materialità. Anche quando scrappy e tratteggiata, sono solidi e tangibili. Essi unjumble pensieri e sentimenti, e ci danno il tempo di riflettere.”

Ecco come funziona: Prendi un blocco di carta e la tua penna preferita. Scegli una persona cara a cui scrivere. Inizia il primo paragrafo con qualcosa di positivo-un complimento, un ricordo affettuoso, una promessa che hanno soddisfatto. Ringraziali per i loro doni e tutti i modi in cui ti sollevano.

Nel secondo paragrafo, inserire il ” difficile.”Chiedi loro qualcosa di cui hai bisogno. Digli qualcosa che devono sentire. Apri le decisioni che hai preso che le hanno influenzate negativamente e spiega perché hai preso quelle decisioni. Chiedi il loro perdono e il loro aiuto.

Infine, nell’ultimo paragrafo, termina con un altro positivo. Dì loro quanto sono indispensabili e come influenzano positivamente la vita che li circonda. Li ringrazio ancora per il loro sostegno incrollabile.

È così semplice. Firma il tuo nome. Leggilo una volta. Rileggilo. Piegalo, mettilo in una busta e mettilo via. Se hai bisogno di rivedere i tuoi pensieri prima di una conversazione difficile, rileggilo. Ma non condividere la lettera reale con nessuno.

Ora puoi andare a conversare con il tuo amico o familiare sapendo che hai organizzato i tuoi pensieri in un modo che non danneggerà i loro sentimenti, permettendoti anche di affrontare un argomento sensibile.

Torniamo a quella conversazione teorica che devi avere con tuo cognato (chiamiamolo “Bob”). Ecco cosa si potrebbe scrivere nella lettera prima di avere la conversazione reale.

Caro Bob,

Grazie per essere stato un buon marito a mia sorella e generoso zio ai miei ragazzi. Sei stato lì per me per 12 anni – tra alti e bassi.

Poiché sei così generoso, vorrei chiederti un piccolo favore. Vedi, sono un po ‘ a disagio con i miei ragazzi esposti a situazioni da adulti, come alcol e parolacce.

Per me è importante che ci vedano sempre al meglio, perché come sapete il vecchio detto, ” monkey see, monkey do.”Sono preoccupato che se ti vedono ubriacarsi, potrebbero cedere alla pressione dei pari una volta che iniziano il liceo. Se potessi farmi un favore ed evitare l’alcol quando sono in giro, significherebbe molto per me e tua sorella.

Grazie Bob, lo apprezzo molto. Questo ci permetterà anche di trascorrere più tempo insieme, e non vedo l’ora di farlo perché sai sempre la cosa giusta da dire quando i miei figli hanno bisogno di aiuto a scuola. Grazie per essere il loro zio preferito.

Sinceramente,

Come puoi vedere, quando pianifichi il flusso della conversazione usando questa formula, aumenta le probabilità di successo e riduce il rischio di aggiungere stress a una stagione di vacanze già frenetica.

Alla fine della giornata, John O’Connell aveva assolutamente ragione: le lettere danno alle nostre emozioni e ai nostri pensieri definizione e significato. E quando non riusciamo a spiegare le nostre scelte ai nostri cari, ci spinge a rivedere le decisioni che stiamo prendendo.

Ma quando sappiamo che le decisioni sono giuste—per noi, la nostra famiglia e il nostro futuro—sappiamo anche che i nostri cari capiranno.

Ora che hai questo strumento, quali conversazioni difficili avrai con i tuoi cari in questa stagione?

Alla ricerca di una storia di ispirazione su come mantenere la famiglia insieme—nonostante le esigenze di business, ambizione imprenditoriale, e viaggi costanti?

Ascolta l’episodio 27 e scopri come questa famiglia ispiratrice ha reso la vita, i bambini e il lavoro di definizione degli obiettivi.

E per essere sicuri di non perdere nessuno degli emozionanti episodi futuri di ETR Radio, iscriviti alla nostra lista e-mail ETR Radio su qualsiasi pagina episodio!

Craig Ballantyne

Craig Ballantyne

Se vuoi raddoppiare il tuo reddito, lavorare di meno e diventare l’ambizioso milionario che hai sempre voluto essere… Craig Ballantyne è l’allenatore che ti aiuterà a farlo. Con più di 20 anni di esperienza come imprenditore e cinque imprese a 7 cifre sotto la sua cintura, è specializzato nell’aiutare gli imprenditori “struckling” a uscire dal fango e costruire il business dei loro sogni. Per vedere se si qualificano per Craig “Millionaire Coaching Program” inviare una e-mail a [email protected] con la riga dell’oggetto “Millionaire”.