Laurel Ptak: (da aggiornare nel tempo)

Agosto 2013. Scritto in parallelo con David Horvitz: Alla ricerca di una longitudine, Penelope Umbrico: Alla ricerca di una latitudine.

Per la mia borsa di studio di scrittura critica a Recess ho deciso di introdurre un nuovo termine nel lessico dell’arte contemporanea: Horvitzian. Penso che questo sia un gesto più significativo in relazione al lavoro di David che un testo stesso, in quanto può essere non solo letto ma anche usato da molti.

mi sono infilato in questo blurb in Hyperallergic newsletter, inviata a più di 20.000 indirizzi e-mail in tutto il mondo:

Indietro quando Occupy Wall Street era ancora nella sua neonata primi giorni artista David Horvitz era l’unico amico che ho potuto effettivamente convincere a dormire fuori per una notte a Zuccotti Park con me e abbiamo cercato di tenere in caldo nero di plastica, sacchetti di immondizia, come i nostri sacchi a pelo. Da 6pm fino al tramonto nella notte di Giovedi David ha un ricevimento di chiusura a Recesso al 41 Grand Street a Soho. Come artista in residenza in queste ultime settimane ha realizzato alcuni nuovi progetti marcatamente horvitziani da provare. Nel cortile si possono vedere le piante che sta crescendo dai semi di honey locus alberi che vivono ancora a Zuccotti (e mi piace pensare che stanno ancora protestando a nostro nome).
David e io abbiamo anche discusso che una stringa di piccoli testi dovrebbe essere scritta per diversi contesti che impiegano questo termine, distribuiti su siti come Wikipedia, Amazon, Yelp, Urban Dictionary, ecc. Sto ancora lavorando su questa parte. Molto aperto al suggerimento se si può pensare di altri che sarebbe buono.