Kimchi: An Origin Story

A questo punto, ha più senso passare al 20 ° secolo. Anche se questa è una semplificazione eccessiva, ciò che accade fondamentalmente durante le centinaia di anni che stiamo ignorando i dettagli sostanziali è che nel tempo, il Cile diventa un affare più grande nel kimchi. Questo è, anche in forma semplificata, ciò che si vede in tutto il sud-est asiatico e nel subcontinente indiano: una massiccia scala di utilizzo del Cile nella maggior parte delle cucine del continente. Portogallo porta chiles, la gente ama chiles. Difficile capire perché non, personalmente, come un grande fan del Cile! Quindi, in queste poche centinaia di anni, vedete il Cile diventare molto più onnipresente nei preparativi del kimchi.

Entra nel 20 ° e 21 °

Nel 20 ° secolo, vedi il kimchi uscire dal palco a sinistra ed entrare nell’arena globale. Kimchi si diffonde in popolarità, in ultima analisi, non solo in giro per il mondo, ma diventando sinonimo di cibo coreano in prospettive globali sulla sua cucina. Questo porta anche alcuni eventi storici interessanti, come generalmente è il caso con i prodotti alimentari di viaggio.

Durante la guerra in Vietnam, il governo sudcoreano commissionò agli scienziati di creare kimchi per i soldati in uno stabilimento vicino a Seoul. Nell’estate del 1966, i prodotti” kimchi-in-tin ” furono finalmente spediti e serviti alle truppe coreane in Vietnam. Questa è stata la prima produzione di massa di kimchi su scala industriale moderna, e si è basata sulla ricerca scientifica sulla sua lunga storia di kimchi in Corea. Il primo documento di ricerca accademica sulla scienza del kimchi, l’esplorazione sul fenomeno della fermentazione del kimchi, il valore alimentare del kimchi e la sua funzione nella dieta umana e così via, è stato presentato al 2°. Conferenza Internazionale di Scienza e Tecnologia alimentare a Varsavia, Polonia, nell’agosto 1966. È stato anche riconosciuto come il primo documento di ricerca originale sul kimchi in inglese. Così, kimchi è stata una parte della cucina globale per quasi quattro decenni. Al momento, ci sono più di 400 produttori di kimchi industriali nella sola Corea del Sud. Sebbene il volume esatto della produzione di kimchi non sia noto in Corea del Nord, probabilmente non è inferiore a quello della Corea del Sud.

Non lo sapevo, ma è un modo davvero interessante per vedere il kimchi entrare nell’arena globale!

Vale la pena notare, inoltre, che nel 1996 ci fu un’enorme disputa tra Corea e Giappone sul kimchi. Quello che è successo è che le fabbriche giapponesi hanno iniziato a produrre una versione giapponese di kimchi che non è stata fatta alla coreana, nonostante sia stata venduta sotto questa etichetta. Ciò si traduce in massicce proteste e pressioni sulla Commissione per l’inclusione del kimchi nel Codex Alimentarius. Ottengono questa inclusione nel 2001, ma nel 2013 e nel 2015, la Corea del Sud e del Nord (rispettivamente) ottengono l’inclusione nelle liste UNESCO del patrimonio immateriale per la produzione e la condivisione del kimchi. Ciò che fa questa lista dell’UNESCO è affermare inequivocabilmente che una data norma culturale (spesso intangibile, come danze e canti nazionali / tribali) è rappresentativa esclusivamente di una data cultura. Sebbene sia la Corea del Nord che quella del Sud abbiano altri oggetti e pratiche di importanza culturale in questa lista, il kimchi è stata una vittoria enorme per queste nazioni. Il Codice specifica anche i particolari di produzione per un kimchi da includere nella denominazione legale. Ci sono, se non lo sapeste, un sacco di alimenti globali che rientrano in queste categorie certificate.

In alcuni casi, i coreani affrontano la discriminazione dei suoi vicini attraverso il boicottaggio del kimchi. Nel 2017, la Cina era arrabbiata con la Corea del Sud per aver accettato di ospitare un sistema missilistico americano, quindi hanno risposto boicottando kimchi. Hanno boicottato anche altre cose della Corea del Sud, come i concerti eseguiti da band coreane, e per i coreani-cinesi, la discriminazione affrontata dai nazionalisti cinesi è diventata piuttosto estrema, sia a causa di boicottaggi e proteste radicali contro le imprese coreane in Cina.

Inoltre, nel 2014, è stato istituito il Seoul Kimchi Festival (장장장), chiamato anche Kimchi Making & Sharing Festival. Questo è successo ogni anno in autunno per 5 anni. Spero davvero che possano avere il loro festival quest’anno, e spero un giorno di andare a uno di loro! Ecco un video dal festival dello scorso anno a novembre. La condivisione del kimchi è una norma culturale, e questo festival lo rappresenta: tutto il kimchi prodotto durante questo festival va a chi ha bisogno di kimchi. È tutto condiviso! La maggior parte dei kimchi prodotti nella modernità è ora fatto commercialmente, ma questo video mostra come con entusiasmo le persone partecipano a fare e condividere feste! Il Kimchi e ‘ amore, ragazzi. L’amore in un barattolo.